Scandalosa Mente  

"Il soldo in bocca!"

di Pino Rotta


Il libero mercato oggi è diventata la bandiera di tutti. Da Berlusconi al rag. Fantozzi tutti parlano di libero mercato e fare soldi facili, se poi non li fanno per definizione la colpa è dello Stato! Mio nonno diceva: "I soldi sono sulla bocca di tutti e nelle tasche di pochi!". Ma a Reggio Calabria, città del povero Sud, di soldi ne girano tanti. Riportiamo un’audizione presa a pag. 40 della relazione della Commissione Antimafia (doc. nr. 42 XXIII) che:"a Reggio Calabria abbiamo la via principale, il corso Garibaldi, che annovera quasi tutti i negozi più rinomati, di vecchia tradizione. Stiamo assistendo da diversi anni a questo fenomeno (leggi acquisizione da parte della ‘ndrangheta, n.d.r.). Chiaramente la crisi economica fa nascere una mancanza di liquidità da parte del proprietario dell'immobile; ciò può essere imputato anche ad altri fattori - non lo metto in dubbio - ma comunque di solito il proprietario di immobili su corso Garibaldi che li affitta non è titolare del negozio che gravita su quella zona. Improvvisamente si sono verificati degli insediamenti di grandi negozi, la cui titolarità fa capo soltanto a due o tre nominativi. Abbiamo notato questo fenomeno 4 o 5 anni fa: due soli nominativi... Quei nomi sono lì, hanno aperto altri negozi, addirittura mi hanno riferito che qualcuno di questi ha fatto una spesa di due miliardi di lire per rilevare un'attività commerciale, e paga 13 milioni di affitto. Tenete presente che gli affitti su corso Garibaldi vanno dai 9 ai 15 milioni di lire mensili per negozi di jeans o di abbigliamento spicciolo e non di oro o di preziosi. Anche se oggi c'è la crisi economica – anch’io ho un negozio- viene da domandarsi come si possa andare avanti. Quest'anno la crisi è maggiore e l'economia è in ginocchio. A volte, uno stesso nome rileva o apre nuovi negozi; a tal riguardo, mi domando solo questo: non si potrebbe cercare di avviare un'indagine patrimoniale su chiunque ponga in essere nuovi insediamenti commerciali? Ad esempio, se (Tizio) apre un negozio di 1.000 metri quadrati, oppure si accolla un affitto come quelli cui ho fatto riferimento poc'anzi, avrà forse vinto al totocalcio o che altro?".

 


HELIOS Magazine

HELIOSmagazine@diel.it