Laicità

TURCHIA: IL MONDO ALLA ROVESCIA!

di Pino Rotta


 

Quanto ci fa penare il nostro "confine" turco! Oggi come ai tempi dell’impero romano, sulle sponde dei Dardanelli si gioca una partita che non è solo politica, ma anche culturale.

In questi giorni abbiamo visto più di un milione di turchi scendere in piazza per difendere la laicità dello stato, con l’appoggio (un pò inquietante ma non inatteso) dell’esercito. Altro che "family day"!

Un appoggio dell’esercito preoccupa sempre chi ha a cuore la democrazia e la libertà ma la Turchia è un caso un pò particolare, infatti se oggi è una repubblica laica e parlamentare anzicchè l’ennesima nazione islamica alle porte dell’Europa è grazie all’esercito e ad un soldato in particolare Mustafa Kemal detto Ataturk (padre della Turchia, nato sotto l’impero ottomano nel 1881 e morto presidente della repubblica turca nel 1938). Ataturk (nella foto accanto) fece della laicità il cardine delle sue riforme. Abolì le scuole coraniche e istituì la scuola pubblica, abolì i tribunali religiosi, introdusse il vote per le donne, insomma portò la Turchia in occidente. Non che fosse un democratico come possiamo pensarlo oggi, era più democratico del califfo che aveva scacciato e guardava al futuro. L’esercito turco è in un certo senso "il suo esercito", democratico sì… ma… indietro non si torna! Tre colpi di stato in 30 anni a difesa della laicità e della democrazia…. stabile ormai da 25 anni.

 

Hit Counter


HELIOS Magazine

HELIOSmag@hotmail.com