Vai a…
HELIOS Magazinesu Google+HELIOS Magazine on YouTubeRSS Feed

giovedì, ottobre 22, 2020

Società

Shoà e Foibe. Le pagine nascoste della storia.

“L’Olocausto fu pensato e messo in atto nell’ambito della nostra società razionale moderna, nello stadio avanzato della nostra civiltà e al culmine dello sviluppo culturale umano: ecco perché è un problema di tale società, di tale civiltà, di tale cultura”. E’ la tesi, molto condivisibile di Zygmunt Bauman, che nel 1989 si interrogò sull’Olocausto, considerato

Dopo Brexit l’Italia, dopo l’Italia cosa?

di Giorgio Apostolopoulos Il NO del popolo italiano a Renzi, va oltre l’Italia, come ha superato il confine britannico il Brexit e la gestione micropolitica interna il NO Greco… . I popoli d’Europa, ora si incontrano sulla linea rossa che separa la suppurazione dalla borghesia corrotta, dalla vita reale delle persone normali. Economicamente impoveriti dalle

Estate italiana per Dato Magradze, voce della libertà del popolo georgiano

Estate italiana per Dato Magradze, il poeta georgiano, voce della libertà del suo popolo, ospite in diverse località del Bel Paese per ritirare premi e riconoscimenti dedicati alla sua poesia ed al suo impegno civile. In Calabria ha ricevuto il Premio dell’Associazione culturale “Anassilaos”, per la poesia, ed il premio “Gaetano Cingari”, nella sezione “Raccolta

Responsabilità e ruoli educativi nell’era delle nuove tecnologie – Quando educazione fa rima con digitalizzazione

Siamo davvero sicuri che l’inserimento delle nuove tecnologie nei contesti socioeducativi, come la scuola e la famiglia, consenta di migliorare le pratiche  e la struttura fondamentale della relazione educativa? Per rispondere a questi interrogativi occorre pensare e ragionare sull’essenza dell’azione educativa tentando di coglierne le strutture portanti che la costituiscono. Luogo di riflessione su queste

Dopo vent’anni di Helios Magazine “manifesto d’illusioni e d’amore”

Non so se l’alba fosse dorata quando vent’anni fa nasceva “Helios Magazine” e neppure se fosse stato un parto podalico, come spesso avviene per le iniziative prese a queste latitudini; ricordo invece anni non ancora di “crisi” come la conosciamo oggi. Almeno apparentemente, la fine degli anni ottanta ci consegnava un modello nuovo, da scartare

‹‹Post più recenti