Helios in English

 

 

Home | News | Pubblicazioni | Club Ausonia | Editoriali di Pino Rotta | Multimedia | Guestbook | Archivio | Contatti

 
arte

Condividi su facebook

 arte

“Volo di tartarughe … Cammino verso la Bellezza”

di pierina laganà

 

 

(texte en français)

 

 

Di una donna spesso si sente dire: “ è bella, oppure è intelligente” come se l’intelligenza escludesse la bellezza o viceversa. In realtà per mancanza d’intelligenza spesso uccidiamo l’unica vera bellezza che abbiamo: la nostra autenticità.

A volte  ricorriamo al bisturi, ci conformiamo alla moda. C’è  una bellezza del corpo, ma c’è anche un’altra bellezza: quella dell’anima!

Non sta negli occhi di chi guarda.

E’ qualcosa d’interiore che non può essere visto, può essere solo sentito.

Ancora oggi, le donne cadono nella trappola-competizione:”la più bella”, che vuol dire la più bella? In effetti, ogni donna ha la propria bellezza che deriva dalla sua impronta mai uguale a nessun’altra!

La bellezza nasce dall’armonia, di un’opera d’arte si dice che è bella quando è armonica, allo stesso modo, la bellezza del corpo è anche il riflesso del nostro equilibrio: un perfetto connubio tra corpo ed anima, ma il mistero della vera bellezza nasce dalla fierezza, dalla capacità di essere persone capaci di lottare per difendere ciò in cui crediamo per mantenere la dignità di: donna, uomo, persona.

E’ la dignità della scelta, scegliere comporta la rinuncia a qualcosa che ci potrebbe piacere o far piacere dunque un sacrificio, ma è anche la dignità della libertà di poter essere autentici.

Il “cammino” verso la vera bellezza richiede un mettersi in gioco, un coraggio continuo nell’essere noi stessi, nel combattere per difendere ciò in cui crediamo.

Lottare per trovare il bello, raggiungere la nostra autenticità è un percorso lungo, un ”Volo di Tartarughe”, uno sforzo per uscire dal bozzolo, come crisalide che diventa farfalla; la crisalide indica la trasformazione, perché avvenga la metamorfosi, è necessario uscire dal “bozzolo” e perché ciò avvenga è necessario uno sforzo.

Ecco, lo sforzo è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno per affrontare gli ostacoli e superarli, uscire dalle corazze rappresentate dalle “maschere” che talvolta noi donne indossiamo.

Le maschere sono a volte una corazza in quanto  ci proteggono dal mondo esterno, ma possono diventare una gabbia perché impediscono una vera comunicazione.

“Cammino verso la Bellezza”, ma in riferimento alle maschere obbligatorio citare il teatro. Il teatro, la maschera, perché dietro la maschera c’è l’uomo con la sua individuazione mai uguale a nessun altro.

Noi donne prima di arrivare all’autenticità, estrinsecazione di vera bellezza, indossiamo tante maschere: “La donna di potere”, “L’Oca”, “Hard Woman” ma le “ maschere” cadono davanti ad un imprevisto, lì solitamente siamo costrette a fermarci ed incomincia la trasformazione, il “fuoco” che smantella le sovrastrutture; ci ritroviamo poi noi stesse, a volte nell’arte, nella scrittura.

Negli attimi in cui si ferma avviene un’altra visione delle cose, di se stessi.

E’ il passo in avanti, quello che alcuni compiono ogni giorno, altri si fermano all’embrione perché  non sanno cosa è la bussola-vita. La “password” per arrivare ad essere noi stesse, la possiamo trovare anche quando cambiamo la posizione in cui siamo solite trovarci.

Se fossimo attori di teatro, troveremmo il volto dietro una maschera, e profumi incancellabili nei sorrisi, nelle strette di mano, negli abbracci.

Capiremmo che il “ ciak” della vita, si gira una sola volta, come un applauso improvviso che non si ripete più.

Alla fine? Noi come Odisseo arriviamo quasi irriconoscibili alla meta.

E’  il nostro destino di autocoscienza che ci conduce.

 

(nella foto: Piergemma, by Antonio Sollazzo - cliccare sulla foto per ingrandire)

Hit Counter

 

 


Contatore visite visite dal 1° gennaio 2000
La rivista Helios Magazine e' iscritta dal 7/03/1996 al nr. 3/96 Trib. di Reggio Calabria (I) 

heliosmag@hotmail.com