Vai a…

HELIOS Magazinesu Google+HELIOS Magazine on YouTubeHELIOS Magazine on LinkedInRSS Feed

LIVE YOUTUBE

La Conferenza dei Rettori delle Università italiane alla “Mediterranea” per la consegna della Laurea Honoris Causa Magistrale in Giurisprudenza al Card. Gianfranco Ravasi Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura.

“L’ontologia precede la deontologia”. Sono parole del  Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della cultura che lo scorso 6 settembre, all’Università degli Studi “Mediterranea” ha ricevuto dalle mani del Ministro per l’università e la Ricerca Scientifica la Laura  Magistrale ‘Honoris Causa’ in Giurisprudenza. Un riconoscimento deciso dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, che

Gli zombi della modernizzazione europea

Hanno servito fedelmente il progetto più selvaggio del neoliberismo che è stato imposto quasi in tutto il mondo. Nel  momento in cui le forze politiche e sociali della sinistra e del più ampio spazio democratico, dovrebbero presentarsi come un baluardo di fronte a questo assalto che rase al suolo tutto, hanno aderito senza condizioni e

I quattro moschettieri e le geometrie variabili – 60 anni dai Trattati di Roma

Il glorioso ex palazzo di Versailles ha stabilito per l’Europa le diverse velocità. I leader dei quattro più forti paesi europei: Angela Merkel, Mariano Rajoy e il per ora sconosciuto a molti – italiano Primo Ministro Paolo Gentiloni, erano nella loro intervista comune, come se accompagnassero in un coro univoco il canto del cigno del

Shoà e Foibe. Le pagine nascoste della storia.

“L’Olocausto fu pensato e messo in atto nell’ambito della nostra società razionale moderna, nello stadio avanzato della nostra civiltà e al culmine dello sviluppo culturale umano: ecco perché è un problema di tale società, di tale civiltà, di tale cultura”. E’ la tesi, molto condivisibile di Zygmunt Bauman, che nel 1989 si interrogò sull’Olocausto, considerato

Dopo Brexit l’Italia, dopo l’Italia cosa?

di Giorgio Apostolopoulos Il NO del popolo italiano a Renzi, va oltre l’Italia, come ha superato il confine britannico il Brexit e la gestione micropolitica interna il NO Greco… . I popoli d’Europa, ora si incontrano sulla linea rossa che separa la suppurazione dalla borghesia corrotta, dalla vita reale delle persone normali. Economicamente impoveriti dalle

La guerra nella poesia di Marco Nastasi vista dallo scrittore Santo Gioffré

Poi la Guerra perché credi solo alla voce delle bombe quando il silenzio non smette di divorare dove il mondo sprofonda invisibile in quegli angoli di realta’ che non devono disturbare il programma dello spettacolo la linea retta della farsa quella corda sempre tesa e affilata per impiccare coscienze oscilla senza pause il pendolo dell’ineluttabilita’

Estate italiana per Dato Magradze, voce della libertà del popolo georgiano

Estate italiana per Dato Magradze, il poeta georgiano, voce della libertà del suo popolo, ospite in diverse località del Bel Paese per ritirare premi e riconoscimenti dedicati alla sua poesia ed al suo impegno civile. In Calabria ha ricevuto il Premio dell’Associazione culturale “Anassilaos”, per la poesia, ed il premio “Gaetano Cingari”, nella sezione “Raccolta

Pierina Laganà, “Piergemma”. Le mille forme dell’arte

Ci sono tanti modi per esprimere l’arte, per manifestare sentimenti, sensazioni, pensieri, prospettive. E Pierina Laganà, in arte “Piergemma” li utilizza tutti. La pittura, la danza, il teatro, la recitazione,  la poesia. Forme diverse di arte, anche lontane tra loro, ma con un denominatore comune, quello di comunicare qualcosa, coinvolgere l’osservatore, il suo pubblico, sempre

Dato Magradze, il poeta della libertà, Premio “G.Cingari” 2016

E’ stato il protagonista della II edizione dello “Xenìa Book Fair”, organizzata dalla Leonida Edizioni e da Art Academy, con il patrocino dell’università per Stranieri “Dante Alighieri” e l’Università degli Studi “Mediterranea” di Reggio Calabria.  Dato Magradze, già Ministro della Cultura del suo Paese durante il governo di Eduard Shevardnadze, e autore dell’Inno Nazionale della

Un bouquet di narcisi per il Re Sole

L’epoca attuale sembra una sorta di società narcisista, costituita da entità apparenti ed effimere, che recitano ruoli non scelti, ma obbligati. E’ la società dei personalismi, nella quale anche le sigle politiche, le squadre di calcio, gli Enti si identificano con “nomi” e non con programmi, ideali o capacità collettive. La cultura del narcisismo è

Cadrà il progetto europeo? La fine della società liquida

Il 2016 sarà forse l’anno in cui volgerà al suo epilogo il progetto di disintegrazione dell’Europa iniziato già da una quindicina d’anni. Trionfano gli egoismi nazionalistici. Un progetto che ha visto, come abbiamo più volte ribadito sin dal 2003, protagonisti due alleati storici del mondo occidentale: gli Stati Uniti d’America, con la loro testa di

Ciao mondo!

Benvenuto in WordPress. Questo è il tuo primo articolo. Modificalo o cancellalo e inizia a creare il tuo blog!

‹‹Post più recenti