Diete - Elogio dello zucchero

Di Giuseppe Tripodi (gtrip@tin.it)


 Se le proteine sono la struttura  del nostro corpo ,  lo zucchero Ŕ  il motore di questa struttura. Esistono proteine nobili e non. Invece lo zucchero Ŕ  sempre orgogliosamente plebeo. Le proteine hanno la loro struttura disegnata fin dalla nascita nel DNA e lo zucchero no. Ma pochi sanno che le proteine non funzionano se appena nate nel citoplasma non  sono completate con l’aggiunta di un po di zucchero. Le  proteine provengono dalla terra dove batteri amici catturano l’azoto  per creare l’aminoacido, invece lo zucchero viene dal cielo folgorato dai raggi solari  che nelle piante coagulano il carbonio atmosferico all’acqua della terra creando l’idrato di carbonio , per gli amici “zucchero”. E la nascita dello zucchero nella pianta avviene con liberazione di ossigeno nell’aria che respiriamo Per tutto questo io amo lo zucchero e per altro ancora. ╚  dolcissimo lo zucchero quanto le proteine sono aspre e acide. ╚  pulito lo zucchero perchŔ  nel nostro corpo ritorna ad essere acqua e anidride carbonica sprigionando l’energia solare che ci rende forti. ╚  fonte di gioia lo zucchero perchŔ  libera endorfine nel nostro cervello lenendo i dolori fisici e morali. Acqua e zucchero Ŕ  antico e sempre valido rimedio.Tettarelle bagnate nello zucchero sono efficaci per il dolore del lattante. Merito delle endorfine.. Lo hanno dimostrato gli israeliani con uno studio sulle circoncisioni. ╚  antidepressivo lo zucchero perchÚ  aiuta il triptofano, un aminoacido del sangue, a diventare serotonina senza necessitÓ del Prozac.

Non dimenticate che dallo zucchero viene il vino , nettare della vita. Infelici i diabetici con il sangue pieno di zucchero che non possono utilizzare. Il diabetico Ŕ  una persona alla quale manca lo zucchero nelle cellule come il naufrago a cui manca l’acqua pur essendo immerso nel mare. Lo zucchero nell’alimentazione dell’uomo Ŕ  chimicamente  glucosio.

Di glucosio sono fatti pasta , pane, riso, legumi, patate, dolci , gelati. Non vi fate confondere da altri nomi: amido, fruttosio, lattosio, saccarosio, zucchero di cucina, zucchero di canna alla fine sono sempre e soltanto glucosio. Il simbolo terreno dello zucchero Ŕ  il pane. Dacci oggi il nostro pane quotidiano non la nostra carne quotidiana. Infatti questa quando ero ragazzo bastava il giovedý e la domenica. ╚  il pane il simbolo dello zucchero perchŔ  quando si mette in bocca non Ŕ  possibile deglutirlo subito. Occorre masticarlo lentamente e la saliva lo impregna pian piano staccando frammenti di zucchero che si trasformano in dolcezza.Non cosi per la pasta che nasconde lo zucchero nelle performances di salse ed aromi e lo libera solo nell’intestino come nutriente non come gratificante.  E di tanto glucosio Ŕ  fatta la dieta mediterranea, con le proteine relegate al ruolo di companatico. E per questo che i popoli mediterranei sono pi¨  allegri.

L’allegria delle nostre pizzerie contro la tristezza dei pubs bui e tetri dove l’hamburger la fa da padrone sul pane che diventa un contenitore.Forse lo hanno messo solo per non sporcarsi le mani. Nella pizza invece il pomodoro aggiunge le vitamine ma  la mozzarella Ŕ  un optional e l’aggiunta di wusterl un insulto alla pizza.  Lo zucchero sotto forma di glucosio circola nel nostro sangue con un livello sempre costante notte e giorno , a riposo e in fatica: 1 grammo  per litro.

Si deposita nel nostro fegato e nei nostri muscoli pronto a dare la sua energia  perchŔ  pu˛ essere bruciato rapidamente senza bisogno di ossigeno producendo energia rapida, pulita e gratuita. Solo se lo sforzo Ŕ intenso e prolungato si bruciano i grassi di deposito con l’aiuto dell’ossigeno e quindi col fiatone. Il livello costante nel sangue serve  anche per mantenere ininterrotto  il flusso di glucosio al cervello, l’organo nobile che si nutre solo di zucchero. Se il livello del glucosio nel sangue scende sotto mezzo grammo per litro il cervello va in tilt. Ma i depositi epato-muscolari di glucosio sono pochi e non superano il mezzo chilo. Tutto il glucosio alimentare in eccesso viene depositato sotto forma di trigliceridi che formano il grasso. Se avete i trigliceridi alti  o  siete ingrassati vuol dire che mangiate troppo zucchero.

Il grasso non esiste, Ŕ una invenzione del nostro corpo che non potendo depositare zuccheri li trasforma in grasso.

Un razzista parlando dei meticci diceva: Dio ha creato il latte, ha creato il caffŔ  ma non il caffelatte. Cosi noi possiamo dire:Dio ha creato le proteine , Dio ha creato lo zucchero ma non ha creato i grassi. Non eccedete quindi con lo zucchero ma badate bene:ridurre troppo lo zucchero nella dieta vuol dire bruciare le proteine a scopo energetico e questo Ŕ  dannoso. Bruciare le proteine a scopo energetico Ŕ  come bruciare il salotto buono nel caminetto al posto della legna da ardere. La dieta con troppe proteine e pochi zuccheri non solo Ŕ  scorretta, Ŕ  anche dannosa. Le proteine bruciate a scopo energetico producono urea che deve obbligatoriamente essere eliminata dai reni e questo pu˛ causare danno renale, calcolosi urinaria e soprattutto perdita di liquidi. Certo noterete anche una riduzione del peso ma Ŕ  un’illusione di breve durata. Presto il peso ritornerÓ come prima. Se riprovate pi¨ volte vuol dire che state facendo la dieta jo-jo

Le proteine vanno abbinate allo zucchero che deve farla da padrone nella nostra alimentazione. Da piccoli l’uovo alla cocque serviva ad inzupparci il pane. Cuocere uova e pancetta Ŕ  qualcosa che urta alla nostra sensibilitÓ di mediterranei.

Sulle sponde del mediterraneo il salame si mangia con tanto pane, la pasta con un po di formaggio, i legumi con la pasta.

Anche nella salsa di pomodoro ci piace intingere il pane. Avete mai visto del pane quando arriva il tacchino sulla tavola degli americani nel giorno della festa nazionale? Come tutte le cose belle della vita, lo zucchero si chiami pane, pasta o pizza o dolce ci accompagna dalla nascita alla morte per darci conforto, energia e salute. Come tutte le cose belle della vita non sciupatele esagerando ma apprezzatele. Ve lo raccomando perchŔ  come giÓ vi ho detto io amo lo zucchero.

 


HELIOS Magazine

HELIOSmagazine@diel.it